giardino delle culture
Condividi e aiutami a far crescere il blog!

Nella mia ricerca della Milano da scoprire ci sono alcuni posti meno conosciuti ma davvero interessanti (per saperne altri clicca qui). Proprio qualche giorno fa mi sono imbattuta in alcune foto su instagram molto accattivanti, ritraevano opere di street art su due facciate di palazzi. Così è partita la mia ricerca su cosa fossero e dove si trovassero. Le opere sono dell’artista Millo (Francesco Camillo Giorgino) che dipinge in larga scala, sui muri dei palazzi, definendo le pareti come una “grande tela bianca su esprimersi”. Tutte in bianco e nero, con solo l’immagine di un cuore rosso a colorare il tutto. L’opera si chiama Lost and found. Ed erano proprio due palazzi decorati con la sua arte con protagonisti due bambini che mi hanno portato a scoprire un altro angolo di paradiso a Milano: il giardino delle culture.

giardino delle culture

Come ci si arriva e orari

Via Emilio Morosini 8, 20135 Milano
Mezzi: Fermata Piazza Santa Maria del Suffragio autobus 60 – 73, tram 12 – 27
Fermata Piazza Cinque Giornate tram 9 – 19
Orari: dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 19
Ingresso: gratuito

Il giardino delle culture: una scoperta

In realtà di giardino non ce n’è molto, è un piazzale recintato ma aperto al pubblico ogni giorno fino alle 19. All’interno ci sono delle panchine molto belle, che sono anche delle piccole aiuole, dove potersi rilassare, qualche albero e i due murales a fare da decorazione. Il posto ideale dove poter prendere una “pausa” dalla metropoli. In una città tanto grande e movimentata ogni tanto si ha bisogno di scoprire posti del genere.

Il giardino delle culture sorge con l’idea di riqualificare una zona praticamente in disuso e abbandonata. Secondo quanto riporta il comune di Milano “Il recupero dell’area in via Morosini nasce dalla volontà dell’amministrazione comunale di garantire la fruizione da parte dei cittadini delle aree in disuso. L’area pubblica è stata rigenerata e trasformata in risorsa collettiva. Questa è la città intesa come bene comune”. La creazione del giardino nasce grazie a cittadini organizzati in associazione ma anche grazie ad un donatore, che aveva voglia di dare qualcosa alla collettività.

Il progetto di recupero è stato infatti presentato dal Comitato XXII Marzo, Teatro Laboratorio Mangiafuori e E-Vento, con l’aiuto del benefattore Lino Faccincani. Negli anni passati il giardino è stato protagonista di tanti eventi, con l’idea di accogliere arte, musica, teatro in libertà e per i cittadini. Un concentrato di iniziative ludiche e culturali, volte anche ad unire studenti, famiglie e e anziani. Il giardino infatti si trova anche nelle vicinanze dello IED. Purtroppo nel 2018 venne dichiarato che per mancanza di fondi il giardino non poteva più essere curato, a tre anni dalla sua inaugurazione nel 2015. giardino delle culture

Ma a partire dal 2019 è partito un nuovo progetto chiamato “Giardino delle culture NOW”, ripartendo in occasione della Design Week. Questa volta sono presenti nuovi partners come l’associazione ARTaMica, il Rotary Club Milano Nord, l’Associazione Nazionale Carabinieri e Easi Group S.r.l. ARTaMICa. Secondo quello che dice il presidente del Municipio 4, Paolo Guido Bassi, si dà di nuovo vita alla piazza che è punto di riferimento per i cittadini della zona e non solo. Il tutto con finalità sociale, volta a coinvolgere tutti i cittadini. Ripartono quindi mostre, eventi culturali, concerti e tanto altro.

Iniziativa interessante è la collaborazione con la Legambiente per la lotta alla plastica. L’area infatti si definisce #plasticfree, chiedendo agli organizzatori degli eventi di non utilizzare la plastica. Un argomento a cui tengo particolarmente e per cui è davvero importante impegnarsi per sensibilizzare il più possibile. Un posto che vale la pena tenere in cura, dove è facile trovare persone del quartiere fermarsi lì per fare quattro chiacchiere in compagnia.

Progetti del genere sono sempre belli da vedere, la riqualificazione urbana riesce a tirare fuori qualcosa di bello da uno spazio abbandonato. Sono queste il genere di cosa che mi piace scoprire nei miei viaggi e anche nella città in cui vivo. Vi lascio qualche info dell’evento che è attualmente in corso.

Jazz Festival Giugno 2019

L’evento previsto per questo mese è il Jazz Festival, ogni giovedì sera con ingresso libero dal 13 Giugno 2019 al 18 Luglio 2019. L’associazione Outsound Jazz Festival presenta non solo serate musicali, ma anche workshop e a corsi per bambini. Programma del Jazz Festival Date: 13 – 20 – 27 Giugno 4 – 11 – 18 Luglio Eventi dalle 10 alle 13: – corsi musicali per bambini (10-11), workshop Jazz (11-12), Jazz talks (12-13) Eventi serali dalle 18 alle 23:30 – concerti live fucine jazz studenti dell’accademia (18-21), concerti live jazz (21:30)

Nelle vicinanze

Parco Vittorio Formentano: parco grande dedicato al medico Vittorio Formentano, c’è una bella fontana, la palazzina liberty e una statua che raffigura due donatori di sangue. Qui trovi il mio articolo dedicato al parco.

Piazza Cinque giornate: sorge su quella che una volta era Porta Vittoria, al centro c’è un monumento alla vittime delle cinque giornate, ad opera di Giuseppe Grandi

Parrocchia di Santa Maria del Suffragio: situata su Corso XXII Marzo, è una chiesa cattolica molto carina realizzata a partire dal 1577

 

giardino delle culture murales


Condividi e aiutami a far crescere il blog!